• Portfolio
  • Exhibits
  • Americana breakfast table-set

info progetto awards press review press release


life 04 x

life 04 x

life 05 x

life 05 x

life 06 x

life 06 x

life 07 x

life 07 x

life 11 x

life 11 x

life 12 x

life 12 x

life 13 x

life 13 x

life 15

life 15

life 16

life 16

life 17

life 17

life 18

life 18

life 19

life 19

life 20

life 20

life 21

life 21

life 22

life 22

life 23

life 23

life 24

life 24

life 25

life 25

life 26

life 26

pointofview 03 x

pointofview 03 x

pointofview 08 x

pointofview 08 x

pointofview 10 x

pointofview 10 x

pointofview 11x

pointofview 11x

pointofview 12 x

pointofview 12 x

pointofview 14 x

pointofview 14 x

pointofview 17 x

pointofview 17 x

pointofview 19

pointofview 19

pointofview 20

pointofview 20

pointofview 21

pointofview 21

pointofview 22

pointofview 22

pointofview 23

pointofview 23

pointofview 24

pointofview 24

pointofview 25

pointofview 25

pointofview 26

pointofview 26

pointofview 27

pointofview 27

pointofview 28

pointofview 28

pointofview 29

pointofview 29

pointofview 30

pointofview 30

pointofview 31

pointofview 31

pointofview 32

pointofview 32

pointofview 33

pointofview 33

reflexion 02 x

reflexion 02 x

reflexion 05 x

reflexion 05 x

reflexion 06 x

reflexion 06 x

reflexion 08 x

reflexion 08 x

reflexion 09 x

reflexion 09 x

reflexion 12 x

reflexion 12 x

reflexion 13 x

reflexion 13 x

reflexion 15

reflexion 15

reflexion 16

reflexion 16

reflexion 17

reflexion 17

reflexion 18

reflexion 18

reflexion 19

reflexion 19

reflexion 20

reflexion 20

reflexion 21

reflexion 21

reflexion 22

reflexion 22

reflexion 23

reflexion 23

reflexion 24

reflexion 24

reflexion 25

reflexion 25

reflexion 26

reflexion 26

reflexion 27

reflexion 27

reflexion 28

reflexion 28



info progetto

Americana Breakfast table set (New York 1990-2012), nasce dall'evento traumatico dell'11 settembre, elemento destabilizzante di un equilibrio. Ogni evento traumatico porta con sé almeno due stati d'animo: una perdita e un'acquisizione. E tutti e due afferiscono alla memoria: la perdita di tutti i dati, spaziali e temporali, che hanno ruotato intorno all'evento e l'acquisizione di un ricordo doloroso e indelebile che trasforma la nostra vita, affiancato dalla paura che possa riaccadere. Ma è necessario vincere questa paura dentro di noi. Come? Tornare indietro, recuperare tutti i dati e ripartire da dove eravamo. Già dove eravamo prima di quel giorno? New York rappresenta il mondo, tutto, anche, ma non solo, l'America. Una città che concede tutto, ed è per questo che in quindici anni (dal 1990 ad oggi) mi sono resa conto di averne cercato i punti vitali attraverso l'immagine, che sono diventati i punti strutturali di questo progetto: ogni volta sentivo la necessità di fotografare le stesse cose, anche gli stessi posti, come se qualcosa fosse lì davanti a me senza riuscire a vederla. La vita frenetica, abbagliante, continua ventiquattro ore al giorno, i suoi quartieri, frutto di emigrazioni radicate, i suoi grattacieli che riflettono, spezzettano, rimandano e trasformano la città stessa. Twin Towers e Ground Zero, punto di arrivo e punto di partenza. Dunque recuperare la memoria su ciò che apparentemente non è visibile. Un cammino a ritroso, una emigrazione interiore, che porti ad una riflessione, che mostri tutti i punti di vista, che trasformi almeno un po' la nostra vita, che riequilibri il dolore e ci riporti alla consapevolezza. Ma Americana Breakfast table set non è solo una mostra: è l'installazione di una "tavola apparecchiata” dove gli americani fanno colazione, il pasto più importante della giornata, sulle "tovagliette", che in Italia chiamiamo "americane", create con le foto della mostra da una parte e dall'altra il progetto grafico portante. Un'opera che vuole rappresentare l'inizio del giorno, il risveglio, il momento in cui tutto, da lontano, torna alla memoria.

premi

IPA 2009 Honorable Mention Category Fine Art/Abstract
2011 Nomination al 5° Photography Master Cup, Beverly Hills
IPA 2013 Honorable Mention Category Architecture/Cityscape
2014 4 Nomination al 7° Photography Masters Cup, Beverly Hills

press review

Testo critico di Ruben Grau

press release

Corriere della Sera